::lo spettacolo prima dello spettacolo

Occasionalmente, il cinema offre un favoloso spettacolo nello spettacolo: il pubblico pagante. Certo, ciò non accade per tutti i film; ma un occhio anche poco allenato sa già selezionare le produzioni che fanno da punto d’attrazione per i più coreografici assembramenti di spettatori.

In quest’ottica, la versione cinematografica di un classico della narrativa contemporanea inglese, rappresenta un appuntamento imperdibile. La “Guida Galattica per Autostoppisti” del compianto Douglas Adams, primo libro di una fortunatissima serie di cinque, è uno di quei monolitici miti della gioventù universitaria più scialba, più mediocrina. Per intendersi, di quel gran lotto di studenti che la vita universitaria salva dal vascorossismo liceale, verso approdi che siano un minimo più digeribili.

La facoltà sicuramente più interessata all’avvento di questo film è Fisica, che da sempre si distingue per un’ombra geek tesa sulla sua popolazione, sino a raggiungere il parossismo quando si toccano argomenti quali: giochi di ruolo, overclocking, fumetti, peer to peer, Linux-è-meglio-di-Windows, Goldrake-è-più-forte-di-Mazinga. Un po’ come il Ragazzo del Negozio dei Fumetti ideato da Matt Groening.
Per la cronaca, la seconda facoltà più affetta da questo male è Ingegneria Informatica: anche lì ci sono fior di fanaticoni, ma sono molto molto meno divertenti e creativi dei fisici.

Alle superiori, anch’io lessi Adams, e mi piacque molto, senza mitizzarlo. Quindi, andrò a vedere il film in seconda visione, quando la buriana sarà passata.
Ma nulla mi impedirà di immergermi nella folla della sala d’aspetto, durante i venti minuti antecedenti la prima proiezione, per ascoltare le assurde meraviglie di sempre, dei barbuti universitari antiberlusconiani prima che lo zio gli trovi il lavoro, e delle ragazze fuorisede con borsetta indiana e mani coperte dalle maniche del maglione prima che si sposino ed abbrutiscano.
Sì, sono snob, prevenuto e perverso.

Annunci

16 thoughts on “::lo spettacolo prima dello spettacolo

  1. No, suvvia non sei snob 😉
    Non sapevo dei fisici, io ho parecchi amici sia ad informatica che a ing.informatica che deporterei visti i discorsi… quindi plaudo al post 🙂

  2. aaah! lo sospettavo che era quella. purtroppo non so come si fa! io e html siamo due cose separate..le spille di tony chef sono andate perse dalle poste italiane, appena le ho ti avverto, col banchetto vario spesso postazione, seguo i concerti che mi piacciono, l’unico centro sociale in cui metto piede è il cpa (firenze), ma dipende dalle serate! comunque ti avverto, e si fa tutto per posta

  3. La signoria vostra è ufficialmente invitata all’anteprima mondiale dela video intervista di Silvano Agosti a Mario Martone realizzata da cinemavistodame. L’evento è on line sul mio blog competamente a-gratis.

  4. Sì, sei snob!!! e Douglas Adams è un GENIO. Sì sono un fan della guida, dei fumetti, degli anime e dei manga (preferendo Sandman, Berserk, Sin City, Jiro Taniguchi Etc.), fan/traduttore di professione di gdr (Da Star Wars D6 a Martelli da Guerra, passando per Lex Arcana e Nobilis ed escludendo assolutamente Vampiri & D&D (sono snob pure io!)) e pure un po’ cinefilo (visti tutti i miei interessi non posso esserlo “seriamente” (leggi, spendendo UNA BARCA DI SOLDI)

    DOUGLAS, DALL’EMPIREO SPUTA IN TESTA ALL’AUTORE DI STO BLOG!

    ^^
    Ciao!

    P.S. Sono fuoricorsista a lingue (inglese e giapponese) a 1 esame dalla laurea

  5. franfiorini:certe cose non cambiano mai 😉
    maverick69:…e si inizia il 2005 con immeritati complimentiii! 😀 No, non sono brillante, sono solo stupidamente sensibile a certi argomenti.^^;
    nonostantetutto:essendo io uno di quei pochi fessi che davvero “giocano” con le opzioni del BA3 (votando, scegliendo eccetera), ne ho già approfittato. Complimenti!
    emanuele:sei una meravigliosa riprova di ciò che dico nel post, stupendo fogatone iperludico che non sei altro 😀

  6. Non conosco Douglas… sarà che viaggio quasi solo in treno… ma ho un certo fastidio epidermico per gli ingegneri (ovviamente sempre) secchioni; quella facoltà riesce a raccogliere quanto di peggio gira per la città… Ma sarà compreso nella rata d’iscrizione il fatto di diventare tristi, pesanti e noiosi?!

  7. Per il coraggioso anonimo qui sotto, probabilmente colpito nell’orgoglio, mi correggo:
    Facoltà di SMFN, Dipartimento di Fisica. Ma in linguaggio amicoide, facoltà di fisica va benissimo.

    No, nessuna CEPU, semplicemente Chimica a Firenze, nulla più.
    Altro che CEPU, la mia inutile ottusità su giustizia ideologica, meritocraziona e doveri, mi ha inutilmente ritardato la laurea, mentre da fuorisede mi campavo coi miei lavori occasionali. Che stupido che son stato. Che orgoglioso stupido. Lo rifarei.

    O mi consigli la bella Università di Modena, lì da te-e? 😉

  8. ‘nporta un accidenti dello snob che e’ in te, la guida e’ la Guida. E peccato che non abbiano fatto sortire le registrazioni radiofoniche. Avrei ascoltato pure quelle!
    io fisica inside!

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...