::fiat livor

Cosa può fare il Gruppo FIAT per rilanciare i propri marchi, in un mercato oramai saturo di concorrenti e leggende metropolitane? Come può l’ariete dell’industria nostrana recuperare almeno in parte la faccia persa in casse integrazioni ed operazioni borsistiche fallimentari?
Ma certo: una bella campagna pubblicitaria, alla (ri)conquista degli spazi perduti! Un bel colpo di rampino al cuore del vero zoccolo duro degli acquirenti!

Nei miei ricordi, le Grandi Motivazioni Italiche che spingevano all’acquisto di una auto FIAT erano due: la partigianeria tricolore, ed un’atavica favoletta riguardo la reperibilità dei pezzi di ricambio. Oggigiorno, però, anche il più esotico dei modelli Subaru gode di una copertura sui ricambi pressoché immediata e totale.

Si punta perciò all’italianità del prodotto. Ma come fare?
Essì, perché il vanto del presunto design italiano si è spento tempo fa, con meraviglie aerodinamiche quali la Multipla e l’Arna; una eventuale qualità superiore è letta come barzelletta da bar sport, dopo gli interni in plastica dell’Alfasud; tecnologicamente, gli italiani non sono l’avanguardia, e, quando lo sono, i brevetti vengono rovinosamente venduti a concorrenti più facoltosi; i prezzi sembrano essere in linea con quelli delle auto estere.

Bene. Lo spot in giro da un paio di settimane sui canali nazionali, ci mostra una carrellata di ringraziamenti canzonatori da parte dei diretti concorrenti: giapponesi e tedeschi.
Insomma, dovrebbe convincermi a comprare una FIAT il nobile sentimento della ripicca? Cioè, ma davvero volete che io compri una FIAT per fare un dispetto dal campanilismo quasi calcistico? Ma state scherzando?

Sono proprio curioso di vedere se, dopo lo “strano caso della FIAT e della General Motors”, terzi nella serie degli sberleffi, vedremo gli americani sfotterci con sorridenti tenchiu. Voglio proprio vedere se i pubblicitari assoldati incappano in questa gaffe.

Annunci

12 thoughts on “::fiat livor

  1. …Intanto pensiamo che tutte le auto in commercio sono stufe con le ruote… e che forse inseguire le iperraffinatecostoseeperfetteMercedesBmwEcc… è un po’ da sciocchi… E’ da sciocchi anche fare auto economiche e perforza brutte ed inaffidabili… come la Fiat ha fatto per un ventennio… ma c’è anche da dire che Fiat, Alfa e Lancia vanno… e durano… non reggono le mode e l’usato crolla… ma reggono… costando meno.
    La verità è nel mezzo: fare cose migliori, rischiare di più… stabilire cosa sia veramente necessario utile e bello per un’auto e cosa superfluo e addirittura dannoso (i posti posteriori delle tedesche sono fatti per i pigmei, mentre quelli del passeggero anteriore per chi ha la scogliosi a destra (per far spazio alle mastodontiche consolle centrali)
    La multipla era ed è (nonostante il restiling da furgone) l’unica vera monovolume con una filosofia di spazio-divertimento-guidabilità nuova… Si può migliorare…
    Fiducia e critiche positive sempre…
    Esterofilia e abbaglio da interni di velluto bianco no!(Ma se piove… e c’è un po’ di fanghetto in terra… salite ugualmente su una Bmw serie 5… o vi portate un tappetino da ingresso…
    Mah!
    Nighty

  2. nightfreeqnc:sono sicurissimo del fatto che, in qualche modo, hai ragione.
    Eh, però, il fatto che io abbia catalogato questo post sotto la categoria “comunicazione”, vorrebbe significare che non si parla direttamente di auto. D’altronde, non reggo i discorsi alla Quattroruote.
    PS: un timido consiglio, non abusare dei puntini sospensivi.
    tottichapo:aaaah torno sul tuo blog solo ora, facciamo flic e floc!
    Sta cosa del flic&floc mi fa sembrare abbastanza gayo, se mi spacciassi anche per milanese sarei una perfetta blogstar. Un po’ come “di sinistra bolognese che però lotta dall’interno del sistema”.

  3. tottichapo: ti rispondo solo ora, stavamo guardando le prime due puntate della nuova serie di Glass no Kamen (Maya) uscite qualche giorno fa.
    Flic&Floc è il gioco beota che si fa con i mignoli incrociati e dondolanti per testare l’ulteriore empatia tra i due interessati. Quando c’è un caso di empatia, un bell’unir di mignoli ed un “uno duo treeee…FLIC!” può ribadire un caso di sintonia o sincronia o simpatia; oppure può dissiparlo.

  4. placidasignora:sì, è ciò che intendevo, serve a ribadire l’empatia. Esempio: io e Placida diciamo insieme “è giallo, infatti!”; segue uno sguardo divertito d’intesa, e la voglia di verificare un caso empatico ripetibile. Intrecciamo i nostri mignolini, e speriamo che, al tre, slegandoli, il miracolo si ripeta…FLOC! 😀

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...