::late/duo505

Un annetto fa, la solita Morr Music rilasciava questo disco, che arriva a casa mia accompagnato dalla mia espressione facciale a forma di “Boh, chicacchioso’ questi?”.

“Questi” sarebbero Herbert Weixelbaum e, soprattutto, Bernhard Fleischmann, del quale s’è già avuto modo di parlare.

Credevo di non essere riuscito a capire quanto potesse aver pesato il signor Weixelbaum nella collaborazione con Fleischmann, gran saggio della poptronica ed esploratore dell’universo dei loop, squillanti allegri malinconici o cupi che siano. Difatti, di questo si tratta: sette tracce, posizionate in maniera sapientemente alternata, per poco più di mezz’ora di musica.

Ho detto “credevo”, perché, dopo un po’ di ascolti, diventa lampante il ruolo di mister W.: i suoni analogici, come quelli clicks’n’cuts e bleep, sono strapuliti, e tutto è sin troppo al suo giusto posto. Interessato alla cosa, mi sono informato: i due autori hanno giocato a pingpong con i brani, aggiungendo e perfezionando qualche particolare ad ogni spedizione. Fino a chiudere sette tracce pressocché perfette.

I brani più tipicamente pop sono davvero allegri, e ricordano un po’ lo stile dei Figurine di “The Heartfelt” . Il via lo dà Tsip tsap, tanto semplice in struttura quanto complessa in base strumentale, per poi tuffarsi nel più tradizionale dei brani poptronica col crescendo strumentale, la brillantissima Lsdj08. La malinconia minimal-industriale di Facing it ti colpisce a tradimento, ma sfocia ben presto nei glitch di Toru Okada, che sembra rubata al miglior Fennesz.

Poi arriva Wenig (ascoltatela in BlogRadio2.0, nella colonna di destra) ed è ancora poplooping sorprendentemente elementare, ma con gran cura dei suoni, specie l’inusuale commistione di vibrafono e hard noise. Nochwas fa spuntare una trama lineare e piena di variazioni, dai suoni più retro che si possano utilizzare; infine, è Diskoandbett a salutarci degnamente, tra dolce pop, dura retronica ed una perigliosa escursione funk.

“Late” è una imperdibile piccola gemma che non può essere mancata. Ora sorge un bel problema per Fleischmann: sebbene il disco non evidenzi il suo nome, d’ora in avanti sarà dura per lui rilasciare produzioni del solito stile, dato che difficilmente si potrà fare meglio di così. Riuscirà ad evolvere?

Annunci

4 thoughts on “::late/duo505

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...