::collezione problematiche sociali autunno/inverno 2007

Facciamo così: compro una piccola webcam, e durante la prossima puntata di AnnoZero me la punto addosso, regalandovi in diretta le facce stranite, gli sguardi di incredulità ed i moccoli al volo.
Provocati, ovviamente, dalla presenza offensiva della nuova bionda B.B.

La presenza della quasi ventunenne contessina Beatrice Borromeo Arese Taverna (questa mente impegnata qui, per dire no?), non poteva non generare una certa dose di interrogativi tra le fila del pubblico di Santoro. Ne è testimonianza la stessa blogosfera italiana, basta guardarsi un po’ intorno. In tanti si saranno chiesti perché sta biondina, di nobili natali, un passato/presente di modella per intercessione di mammà (come lei stessa dichiara), un futuro in Scienze Politiche, una clamorosa zeppola in bocca, sia li a fare…a fare…
Oddio, a fare che?

Per non cadere nella solita stagnante combo italiota tipo SUV, quella che due parti eventuali giocano sul filo di “il SUV è una evitabile cafonata falloelongativa” e “l’invidia di chi non se lo può permettere”, nelle prime puntate della trasmissione abbiamo voluto metterci una pezza di giustificazione: Beatrice interpreta la notizia, “fa comunicazione”, come si dice oggidì nei confronti di chi ha uno stipendio altrimenti immotivato.
Fa la modella di argomenti firmati, invece che di capi d’abbigliamento: assume espressione addolorata à-la Fantozzi, e si ingobbisce come la bambina malefica del film “The Ring”. È l’impostazione che prelude ad una prosa sconsolata e scevra di speranze, relativa all’argomento della serata.

Poteva andare liscia così. Invece no. Già nella seconda puntata han fatto sì che potesse blaterare la sua. Proprio la seconda puntata, quella sballottata tra giovani e lavoro. Proprio quella. Durante la quale, ha svelato la magagna del duro lavoro di modella: la mancanza di gentilezza.
Non me la prendo certo con la persona, ma avrei da dirne quattro a chi ce l’ha voluta. Io penso che non si potesse realizzare nulla di più offensivo, irridente e fuori luogo, dell’intervento sul lavoro precario, da parte di un pezzo bidecennale modaiolo e mondano del parentado Borromeo-Marzotto. È un cortocircuito dal sapore sgradevole, una perversione granguignolesca quasi ricercata. E, se così fosse, colpevole.

L’emblematica visione greve della rampolla dalla faccia grave ti fa capire che nel binomio giovani/lavoro, il problema sono i giovani. Ma per quello basta attendere, fin quando giovani non saranno più.
Nel frattempo, c’è chi di lavoro parla del lavoro: la conferenzina mensile della Regione, l’inutile stand della Provincia, il programma tv dalla tristezza coreografica.

Annunci

14 thoughts on “::collezione problematiche sociali autunno/inverno 2007

  1. Mai visto il programma di Santoro (che personalmente detesto), ma dalla tua descrizione pare esattamente uguale a come me lo aspettavo. Il sinistrismo della Milano bene è offensivo almeno quanto la politicuccia berlusconiana, se non di più.

    Z.

  2. Ma certo! Del resto anche quello della modella è un lavoro precario: oggi sfili per Chanel domani chi lo sa.
    Per fortuna mi sono persa la puntata, solo con il resoconto sto cacciando bile.

  3. d’altra parte non dovrebbe sembrarci strano visto che santoro aveva già tirato fuori dal cappello quel grande esempio di appropriatezza che è la costamagna al maurizio constanzo show

  4. la cosa che mi ha sfastidiato di più nell’atteggiamento di costei è l’arroganza di fondo mostrata nei dibattiti con gente che comunque ha qualche anno in più ed un minimo di rispetto standard lo meritava…

    Un’arroganza derivante dall’ossessione di ostentare sicurezza ed apparire autorevole, figlia molto probabilmente di una serie di incontri con uno psicologo motivazionale (“tenga lo sguardo ben fermo”, “non si lasci intimidire”, ” porti avanti le sue opininioni senza ripensamenti”)…

    poi, sullo sfondo, la faccia di culo di santoro del genere “ecco, la mia sì che è una trasmissione che lascia spazio ai giovani”
    per analogia, avremmo dovremmo applaudire fino a spellarci le mani il connsiglio di amministrazione della fiat che ha fatto largo ai giovani lasciando entrare i principini elkann.

    puah

  5. nella mia pochezza non sapevo chi fosse. ma la domanda era la stessa. Perchè?
    Ora so chi è e ho anche la risposta sul perchè.
    Con tutta la stima del mondo.. Santoro. Eppure di tempo ne aveva avuto.

    A.

  6. Quando l’ho vista alla prima puntata ho pensato che almeno a La pupa e il secchione si sa di fare trash.
    Invece la piccola contessina bionda è irritante con consapevolezza.
    Pensavo di essere l’unica a sentirsi urtata da una scelta del genere. Ma a questo punto ci si fa il callo.

  7. Premettendo che non me ne fotte niente di questa donzella, perchè ho ben altro da fare che incazzarmi per le sue raccomandazioni in ambito lavorativo,volevo dire che navigando nel web, tra i siti e blog maggiormente visionati quest’anno, ne ho trovati molti che parlavano di questa tizia nel bene e nel male(si propendeva più per la seconda).
    Ho visto solo l’ultima puntata di Anno zero(e non me ne pento) con relativa rubrichetta”Generazione zero”,”condotta”dalla suddetta e da un altro giovane…
    Ebbene, all’inizio,nonostante la sua voce incolore e cantilenante mi aveva incuriosita il tema che si stava trattando, incentrato sull’ambiente e su come evitare ulteriori danni allo stesso.
    Ad un certo punto il co-conduttore,parlando di diverse teorie sulla produzione d’inquinamento,e su come evitare di renderlo ancora più devastante, consiglia agli ascoltatori, di consumare meno carne,in modo tale da disincentivare la creazione di nuovo mercato che ruota attorno ad allevamenti di vario tipo, i quali in gran numero porterebbero, a causa dei gas che si creano negli escrementi degli animali, ad un ulteriore aumento di sostanze nocive nell’aria.
    Pronunciate tali parole, la giovane, guarda il compagno con una faccia tra l’inebetito e l’incredulo…
    Ora mi faccio una domanda e mi do una risposta:ma a 21 anni, come si fa a non sapere che la merda nel mondo animale, produce gas??Semplicemente credo che, dal suo nobile deretano non vengano espulse scorie nocive al buon funzionamento dell’organismo, ma profumati bouquet di viole mammole.

  8. anonimo151.37.139.32:non è che noi ci si passi proprio le ore a discuterne, ma se non si osservasse nulla (se non ce ne “fottesse”), allora perché non andare ad allevare porcellini d’india piuttosto che scrivere su un blog?

    Straordinario, una che peta violemammolume la puoi mettere anche alla produzione della Gled, mado’ ma come fanno a trovare sempre una sistemazione appropriata nel mondo che conta queste personaggie? 🙂

  9. La cara già citata Beatrice Borromeo mi sembra che faccia il suo sporco lavoro abbastanza bene…non capisco tutto questo astio nei suoi confronti…non capisco perchè bisogna etichettare una persona in base ad una parentela….non capisco perchè una persona ricca e con titoli nobiliari non possa esprimere un pensiero per di + giusto….non capisco perchè si cerca di fare del suo nome una questione di caste….non capisco perchè la si denigra se infondo potrebbe avere degli ideali giusti e migliori dei vostri….capisco però che chi parla in questo blog è provvisto di grossi ed invalicabili paraocchi che lo tengono rilegato ad un pensiero e mentalità qualunquista e retrograde.
    VI FACCIO UN ESEMPIO…MIO PADRE ERA UN POLIZZIOTTO ED IO SONO STATO ARRESTATO 2 VOLTE….MIA MADRE ERA UNA BRAVA DONNA E MIA SORELLA/O è UN TRANSGENDER…MIO ZIE ERA UN PRETE ED IL FIGLIO è STATO INDAGATO NELLE BESTIE DI SATANA…MIO PADRE ERA UN GRAN LAVORATORE ONESTO ED INDEGERRIMO MENTRE IO SONO UN NULLAFACENTE CON UN CAZZO DI LAVOATORE ATIPICO CHE SPRECA IL SUO TEMPO A CORREGGERE LA STUPIDITA’ CHE CIRCOLA A VOLTE SUI BLOG!!

  10. anonimoquisotto: insomma, ammetti di non capire tante cose, ma di vedere paraocchi negli altri. Complimenti per la coerenza, l’italiano, l’uso della tastiera, la capacità di analisi dei testi e la carriera metacriminale.

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...