::fascisti su marte

Alle ciane, s’é buoni tutti a contrastare la cinematografia anglosassone che ci attacca d’ogni lido. Ma è il biglietto che fa l’incasso.
Previo siffatta congettura, il Checule si reca quindi alla visione collettiva dell’agognata pellicola, poscia che anni transitarono, e dalle prime avvisaglie e dall’ancestrale foggia seriale della fondamentale testimonianza, rimasta ingiustamente secretata dai maneggi sabotatori di oscure forze sioniste.

“Pigra brodaglia giolittiana!”, questa l’idea che in me vieppiù s’appalesava: prendere un buon rancio di costrutte risate, ed allungarlo rendendolo sciapo e sciocco, come certi frivoli consommelli che s’usa sorbire in terra lutezia. Anche perché, a dispetto di una propaganda demogiudaicoplutocattocratica a doppio turno che lo voleva durare 45 minuti, l’opera di scienza finzione vanta in vece un’intiera ora di sovrappiù. Potranno le sole vicissitudini dell’eroico manipolo, sostenere il prolisso lasso temporale, senza che la platea venga pervasa dal morfeico flagello?

Il vero fascista sa ravvedersi all’uopo, invece che perdurare nell’errore: pur preservando lo stile narrativo che ne ha cantato la gloria tra la popolazione, è grazie ad una progressione più cadenzata del racconto e ad una rilocazione degli eventi in rettilinea sequenza, che la storia mantiene alto l’interesse d’una platea vogliosa di verità lungamente occultate.
I migliori testi della serie, quivi riconquistano la loro giusta collocazione: non più bolscevichi strali di querula ironia, ma rocciose componenti di una funzionale macchina da risate. Completa l’istorica testimonianza, un adoprarsi al riferimento d’attualità fermente ed indicizzato, giammai leggiero o fuor di loco. Non già quindi glabro sogghignar senza nerbo alcuno, ma bronzea virile struttura dinamica, che parte a simiglianza di cinegiornale, per approdare alfine alla più classica narrativa da celluloide, pur stiracchiandone tempi e modalità per molteplici passaggi.

Il fanatico fruitore certamente gradirà le novelle inserzioni di fatti come di personaggi in anteprima, bizzarre creazioni di quell’italico ingegno che non trova simili nei popoli dello sport con la palla piumata e dell’acquetta delle cinque.
Ma seppur facciate numero nella iniqua schiera degli scettici, codesta pellicola resta nelle sale a rammentarvi questo puro, mero, meraviglioso e pur incontestabile fatto storico, che intero s’annuncia e si rapprende in questa semplice e pur lapidaria frase: alle ore 15 del 10 maggio 1939, Marte è fascista!

Annunci

11 thoughts on “::fascisti su marte

  1. Il podestà di codesto bloggo littoriamente ringrazia.
    E rilancia di particolari: a seconda di lorsignori, dove venne fruita la visione della pellicola? Senz’altro al Cinema Fiamma, apposita sala d’assonanza d’intenti.

  2. AntonioSofi: tracchebacche? Certi vezzi da leziose donnine d’oltremanica non s’addicono alla romana sobrietà che intiera fa mostra di sé in un bloggo di tal genere.

  3. Chissà se mai in questi femminei cinematografi d’oltralpe in cui mi capita d’incedere avro’ l’onore di fremere d’italico d’ardore al cospetto Cotanta Proiezione. Per traverse vie essendo alfin giunto ad approdar alle Patrie eppercio’ care sponde di Codesto bloggo, romanamente saluto. Giammai concederommi il molle vezzo di rivolgere un pur sentito plauso alla virile prosa e alla sostanza quivi presente: bensi littoriamente e tosto ti aggiungero’ per patriottici meriti al Fascio dei Contatti sul bloggo di cui esercito l’Imperio. A noi!

  4. emanuele:onore a te, Emanuele, lupo solitario mediterraneo in steppa atlantica. Continua con piglio dannunziano la tua missione segreta di destabilizzazione contro le oscure forze plutonazionalcattogiudaiche di sioniste piattaforme per blogghi: ci tornerà utile quando scatterà l’irrevocabile ora di quella rivoluzione socialista della quale tante volte abbiamo favoleggiato dileggiandone vieppiù i motivi in origine.
    A Spirit, a noi!

  5. ma ti risulta che IRENE FERRI abbia iniziato la sua carriera televisiva con un spot pubblicitario per FORZA ITALIA? posso sbagliarmi… tk69

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...