::10 print andrea free now 20 goto 10

Il mio cuore commodorista ha sperato nell’omonimia sino all’ultimo. Una speranza risultata poi vana, a rendere la cosa, se fosse stato possibile, ancora più dolorosa.

Come un po’ tutti, ho seguito la vicenda del piccolo golpe stanziale di stampo massmediologico (telefoni, cellulari, email e quant’altro) che ha coinvolto Telecom Italia. C’è talmente tanta carne al fuoco in quella brutta faccenda, che metterci un link risulterebbe comunque incompleto e velleitario. Un sistema che, tra spionaggio delle concorrenti, monitoraggio orwelliano di soggetti d’interesse, intrallazzi coi servizi segreti, intromissioni nell’attività politica, suicidi ancora da verificare e molto moltissimo altro, è equiparabile all’attività di un colpo di stato formato mignon perennemente sottotraccia.
Proprio come in un colpo di stato, c’erano le truppe speciali con tanto di nome di battaglia. Come il fantomatico Tiger Team, nucleo pulsante motore dell’intera giostra, decimato dagli arresti.
Leggo la notizia, e non posso crederci. Allora mi informo attraverso contatti della scena, e tutti mi confermano che, sì, è proprio lui. Infine, storia di questi giorni, Andrea Pompili resta agli arresti, in carcere.

Andrea Pompili incarna un po’ la figura dell’eroe italico commodorista, un garibaldi dei 64k, un giuliocesare del comando POKE. Praticamente da solo, completa Catalypse, un gioco sul glorioso biscottone, dalla qualità talmente elevata da sbaragliare i migliori prodotti delle case di produzione più scafate. Il prodotto ludico tricolore fa talmente tanta invidia lì, oltremanica, che la critica d’eccellenza si sente prima di stroncarlo, poi di fare ammenda.
La grafica disegnata da Andrea, le proporzioni, l’uso del colore, sono la mia principale fonte di ispirazione per il gioco che sto sviluppando sul coso nero, ero lì lì per contattarlo e chiedergli una consulenza. Prima di sapere del fatto. È un pò come quando ti dicono, direttamente o indirettamente, che cavoli e cicogne non sostituiranno la santa innominabile, o che nessun vecchio lappone esibizionista affronterà il gelo decembrino per soddisfare i tuoi vizi ludofeticisti infantili.

Prima il rapitore autriaco commodorista Wolfgang Priklopil, fiero del suo C64G che preservava i suoi sordidi (sordidi?) pensieri dalla polizia. Poi Tamás Polgár (conosciuto come Tomcat), attivista politico, blogger più letto del suo Paese, organizzatore di retroeventi ed autore della serie di libri d’argomento “Freax“, arrestato illegalmente perché beccato (forse) tra i rivoltosi di settembre a danneggiare il monumento sovietico per la liberazione del ’45, e tacciato di averlo distrutto da solo (sì eh!).
Infine Andrea Pompili.
Una lunga scia d’odio di chiaro stampo cattodemoplutocratico nippoislamicosionista a doppio turno vuole silenziosamente abbattere le resistenze ad 8bit contro il mercato. Ad uno ad uno, separatamente, proveranno a falcidiare la compagine commodoriana. Reagiamo! Andiamo in piazza ad urlare il nostro sdegno! Andrea libero subito! Andrea libero subito! Andrea libppfhfhpppfh (lo portano via).

Annunci

20 thoughts on “::10 print andrea free now 20 goto 10

  1. Spett.le sign. Kekule presso la spett.le Casa Circondariale Mario Gozzini di Firenze.
    Testo:
    Auè ma mannaggia a te te lo avevo detto io di smetterla con quei tuoi brutti vizi, tu e le maledette caravelle, tu e gli stramaledetti cavallucci marini e le scatole dell’aspirina… ma perchè non puoi giocare a Fifa come tutti o, al massimo della perversione, guardare le retrospettive polacche di notte su raitre?
    Mi sono rimaste delle arance sul vialetto, te le porto appena posso.
    Vita

  2. Grazie infinite della fiducia e della tua elevata opinione di Andrea. Siamo il papà e la sorella dell’interessato e stiamo cercando di far valere anche noi la nostra voce: “liberatelo” perchè non è mai cambiato da quando inventò Catalypse e forse, se fosse stato un pò più malizioso si sarebbe accorto del nido di vespe in cui era costretto ad operare.
    Vorremmo fare un blog per/su di lui ma l’informatico di casa è sempre stato Andrea e noi ce la caviamo veramente poco… ci faremo aiutare… voi tenete d’occhio la rete.

    Pierpaolo e Valentina

  3. Pierpaolo e Valentina: pur non nascondendo la vena leggera e satirica di questo mio post, l’aspetto centrale, sicuramente drammatico per chi lo vive in prima persona e per i suoi cari, non vuole essere tralasciato. Gli appassionati del settore sono rimasti sconcertati dai fatti che trapelano dalle fonti italiane. Anzi, per dirla tutta, dai fatti che abbiamo provato a non far trapelare, prima di saperne di più noi. Invano
    È per quel “saperne di più” che vi faccio i più sinceri in bocca al lupo per le iniziative che farete seguire. Nel mio caso, non si tratta di parteggiare per un tuo idolo giovanile, è un fatto di cuore, qualunque sia la verità. Se poi non tutto è stato detto, allora ecco i miei auguri. I migliori.
    Mi sono permesso di riportare tradotta in inglese il vostro commento sui forum di Lemon64 e Ready64, dove era rimbalzata la notizia, qui e qui.
    Mi faccio portavoce dell’intera scena retro italiana: un grosso abbraccio.

  4. Grazie da parte mia e di Andrea …gli racconterò che le cose bella che il suo testone ha generato non vengono offuscate da questa triste situazione … con la speranza che presto la sua fantasia sia di nuovo libera di “creare” senza il perso della “ingiustizie” …

    Paola (La moglie)

  5. Eh, il 30% di Zzap!64 resta in effetti uno dei voti più vergognosi della storia (benché non sia un fan particolare di Catalypse come gioco in sé, ne riconosco l’indubbio ed enorme valore).

    Un abbraccio anche da parte mia a Pierpaolo e Valentina…

  6. Andrea è un bravissimo ragazzo, so che può sembrare banale ma è davvero così. Ha commesso un grande peccato d’ingenuità e ora suo malgrado ne paga le conseguenze, ma speriamo davvero esca presto.

    Andrea siamo tutti con te!

  7. Andrea e’ un ragazzo intelligente… e’ un adulto. Sapeva cio’ che stava facendo, poteva benissimo dire di no. Ha detto di si’. Deve pagare. Magari al posto suo avrei fatto lo stesso… e anche io avrei dovuto pagare. Rimane comunque per lui la mia incondizionata stima di 64ista

  8. Sono d’accordo con tutto, avrei anche volentieri pagato… se solo avessi fatto qualcosa. Per fortuna la giustizia è lenta ma funziona e chi si diverte ad avvelenare non è stato abbastanza furbo da farlo bene.
    Su questa storia, infatti, ho avuto la rara fortuna di tante persone vicine professionalmente che si sono divertite a scegliere per me…
    Grazie a Dio è finita. Resto un commodoriano convinto e lo Spectrum che hanno tentato di sobillarmi per 12 anni (vedete il bellissimo post su Lemon64) gliel’ho rimandato al mittente 😉

    Ciao a tutti e che il C64 con voi,
    Andrea “Catalypse” Pompili

    P.S. il mio nick non è “l’arancione”, che oltretutto mi schifa… un altra scelta fatta da altri…

  9. Aveva ragione Emiliano (Ian Coog/HF):”Un commodoriano non può essere cattivo”! 😀

    Bentornato.

    PS: Andrea ora me lo puoi dire, in Catalypes non hai usato una collisione coi carattere fondale diagonali pixel per pixel, ma semplicemente una collisione carattere “molto a favore del giocatore”. Vero? Vero?

  10. Boh, mi pare che all’inizio avevo provato con i bit di collisione hardware sfondo-sprite, ma con il multiplexing credo non funzionasse bene… poi ho fatto così: ad ogni sprite ho associato 3 caratteri messi a “freccia”, così:
    x
    x
    x

    calcolavo la posizione dei caratteri rispetto allo sprite, poi vedevo che carattere c’era sotto. Se era il giocatore ed il carattere era uno sfondo perdevi una vita. Se era un nemico e sotto c’era un carattere arma esplodeva lui (a meno che non servivano più colpi per abbatterlo).

    Ciao, Andrea “Catalypse” Pompili

Una forchettata di commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...