::arcade music milestones

C’erano, una volta.
C’erano una volta le macchine del divertimento videoludico che, impossibilitate al tempo nel gestire direttamente brani musicali, dovevano fare affidamento a rudimentali microprocessori del suono.
Ce n’era una notevole gamma, erano scelti volta per volta secondo criteri di tecnologia e risparmio sul prodotto finale, ed alcuni divennero più rinomati di altri. Eppure, la disparità di qualità del suono risultante non si è mai seriamente rivelata un ostacolo: anche dagli IC più datati ed economici, un compositore capace poteva tirar fuori quella musichetta che ti sarebbe entrata in testa per sempre, una sòrta di àncora della memoria alla quale aggrapparsi alla ricerca dei ricordi dell’adolescenza.

C’erano una volta console ed home computer domestici da un lato, e coin-op da sala e da bar dall’altro. Ed erano imparagonabili.
Era imparagonabile addirittura lo stesso mood collettivo: l’ambiente della sala giochi, saturo di odori sgradevoli ma riconoscibili, e di canzoncine digitali provenienti dai riproduttori sempre un po’ dimessi dei cabinati, è stata per tutti una esperienza di gruppo indimenticabile, tanto indimenticabile da far partire iniziative davvero particolari, come l’archiviazione di suoni ambientali delle sale arcade più rinomate.

Le nuove frontiere nel campo dell’emulazione delle vecchie schede da bar, ci permettono oggigiorno di preservare questo patrimonio emozionale dall’aggressiva incuria del tempo. Creati e prodotti da Kekule, e distribuiti da Vikk, ecco a vostra disposizione i 4 volumi del più ampio e variegato omaggio alle colonne sonore dei coin-op anni ’80-’90!
Cliccate sulle icone per scaricare. Push 1P button to enjoy!

Tutti i brani inclusi nei 4 album, sono disponibili in streaming nella MAMEchannel Radio, disponibile anche come applicazione FaceBook.

::Arcade Music Milestones 1
1. Isao Abe, Syun Nishigaki – 1 – Cadillacs And Dinosaurs Intro (1:40)
2. Shinji Hosoe – 2 – Dragon Spirit Area 1 (3:33)
3. Hiroshi Miyauchi – 3 – Hang On Main Theme (2:00)
4. Motoaki Furukawa – 4 – Sunset Riders Attract (0:56)
5. Yuko K. Takehara, Masato Koda – 5 – Marvel Vs Capcom Theme Of Strider Hiryu (2:26)
6. Yasuhisa Watanabe – 6 – Nastar Tune 1 (3:28)
7. Konami Kukeiha Club – 7 – Vulcan Venture Opening Theme (0:34)
8. Tsukasa Tawada – 8 – Rodland Tune2 (1:15)
9. Hiroshi Miyauchi – 9 – Space Harrier Theme (3:18)
10. Yuko K. Takehara, Masato Koda – 10 – Marvel Vs Capcom Player Sele (0:47)
11. Konami Kukeiha Club – 11 – Vulcan Venture Burning Heat (1:20)
12. Katsuhiro Hayashi, Koichi Namiki – 12 – Super Hang On Hard Road (3:13)
13. Hide-Kaz, Abraham, Manabu Namiki, Mr. Takami – 13 – Macross 2 Level1 (2:12)
14. Kenji Yoshida – 14 – Dangar Ufo Robo (2:29)
15. Yasuhisa Watanabe – 15 – Nastar Boss Tune (1:28)
16. SEGA/Kekule – 16 – Pitfall II Medley (1:53)
17. Masahiro Yuge – 17 – Truxton (2:06)
18. Konami Kukeiha Club – 18 – Vulcan Venture Synthetic Life (1:34)
19. Kazuko Umino, Yasuko Yamada – 19 – Puzzle Bobble Journey To PaoPao Island! (1:46)
20. Hiroshi Miyauchi – 20 – Out Run Magical Sound Shower (6:05)
21. Konami Kukeiha Club – 21 – Gradius III Sand Storm (2:57)
22. Kenji Yoshida – 22 – Galivan Hiscore (1:20)
23. Katsuhiro Hayashi, Koichi Namiki – 23 – Super Hang On Name Entry (0:37)

::Arcade Music Milestones 2
1. Technouchi – 1 – Gaiapolis Intro Down To The Earth (0:15)
2. Zuntata – 2 – Darius Gaiden Fake (2:00)
3. Zuntata – 3 – The New Zealand Story (1:49)
4. Konami Kukeiha Club – 4 – Gradius III Prelude of Legend (1:00)
5. Azusa Hara, Hiroaki Yoshida – 5 – Bad Dudes Vs Dragon Ninja Level 2 (2:27)
6. Shin-ichi Sakamoto – 6 – Psychic 5 Naoki Theme (3:17)
7. Yasushi Kaminishi, Masahiro Yuge – 7 – Gigawing Fighter Selection (1:02)
8. Cameo Matano, Dokuo Umeno – 8 – Parodius DA! Level 2-1 Even The Patience Of A Pierrot Has Limits (2:00)
9. Shin-ichi Sakamoto – 9 – Wonder Boy In Moster Land Beach (1:23)
10. Masahiro Kusunoki – 10 – ESP Ra. De. StageC (2:37)
11. Prophet Fukami, M.Puddin’ Satoko, Sitar Senoo – 11 – Gokujou Parodius Level1 In the Crane Game (2:25)
12. Tamayo Kawamoto – 12 – Black Tiger Hiscore (2:05)
13. Ryuichi Yabuki, Nanpei Misawa – 13 – Dangun Feveron Stage2 Hello Mr Cyborg (2:43)
14. Cameo Matano, Dokuo Umeno – 14 – Parodius DA! Level 3 Labyrinth (1:16)
15. Konami – 15 – Daisu-Kiss Disco Stage (1:47)
16. Prophet Fuka, Everybody, Kishimaro – 16 – Violent Storm Ending Are You Ready To Have A Good Time? (2:43)
17. Hiroshi Miyauchi – 17 – Outrun Splash Wave (5:45)
18. Zuntata – 18 – The Ninja Warriors Daddy Mulk (4:37)
19. You Takamine, Naoki Maeda – 19 – Salamander 2 Level 2 Sensation (2:24)
20. SEGA Sound Team – 20 – Golden Axe Final Class (1:05)

::Arcade Music Milestones 3
1. Toshio Kai – 1 – Puckman (0:04)
2. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 2 – Garou Loose Genius (2:46)
3. Harumi Fujita – 3 – Bionic Commando Area 1 (3:08)
4. S.S.T. Band – 4 – After Burner Final Take Off (3:53)
5. Hisayoshi Ogura – 5 – The Legend Of Kage Medley (3:29)
6. Zuntata – 6 – Darius Gaiden Refrain (1:37)
7. Konami – 7 – Chequered Flag Keep On Riding (2:50)
8. S.S.T. Band – 8 – After Burner Maximum Power (1:14)
9. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 9 – Garou Spread The Wings (2:30)
10. Mikio Saito – 10 – Shadow Warriors Shadow Soldier (2:55)
11. Zuntata – 11 – Rastan Level 1 Aggressive World (2:10)
12. Harumi Fujita – 12 – Bionic Commando Area 2 (2:01)
13. ADK – 13 – Equites Medley (2:57)
14. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 14 – Garou Too Honest (2:47)
15. Kaori Shimizu – 15 – Psycho Soldier Fire! (1:17)
16. S.S.T. Band – 16 – After Burner City 202 (1:00)
17. Kazunaka Yamane – 17 – Double Dragon Arrival Of The Black Warriors (3:17)
18. Yasuhiro Takagi – 18 – Turbo Outrun Keep Your Heart (7:15)
19. SNK – 19 – Ikari Warriors Main Theme And Game Over (2:35)
20. Harumi Fujita – 20 – Bionic Commando Enter Your Name (1:31)
21. Zuntata – 21 – Darius Gaiden Name (0:54)

::Arcade Music Milestones 4
1. SNK – 1 – Neo Geo Logo (0:08)
2. Zuntata – 2 – Darius II Olga Breeze (3:49)
3. Konami Kukeiha Club – 3 – Tokimeki Memorial Taisen Puzzle-dama Opening + More! More! Tokimeki (2:23)
4. Mashahiro Inoue – 4 – Gyruss Medley (2:32)
5. Kazunaka Yamane – 5 – Double Dragon Opening Theme (2:38)
6. Jaleco – 6 – City Connection All Stages Medley (5:42)
7. Steve Ritchie, Chris Grann- 7 – F-14 Tomcat Multiball (2:25)
8. Hisayoshi Ogura – 8 – Arkanoid Intro Vanity Board Game Over Medley (1:14)
9. Yasuhiro Takagi – 9 – Turbo Outrun Course 3 Shake The Street (3:14)
10. SNK – 10 – Mahjong Kyoretsuden Hoshinofuru Yoru (2:58)
11. Konami – 11 – Iron Horse BGM1 (2:09)
12. Jouji Iijima – 12 – Galaxy Force 2 Level 1 Beyond The Galaxy (3:25)
13. Irem Sound Team – 13 – R-Type Level 1 Battle Theme (1:38)
14. Hisayoshi Ogura – 14 – Rainbow Islands Medley (1:09)
15. Technos Japan – 15 – Xain’d’Sleena 2nd Shmup Stage (1:48)
16. Konami – 16 – Iron Horse BGM2 (1:50)
17. Kaneko – 17 – Heavy Unit Round 1-2 (1:19)
18. Zuntata – 18 – Darius Mountain Region Cosmic Air Way (2:47)
19. Irem Sound Team – 19 – R-Type Level 4 Granulationes (1:22)
20. Konami – 20 – Iron Horse Demo (0:53)
21. Hisayoshi Ogura – 21 – Halley’s Comet Theme (1:32)
22. Masaki Kase – 22 – Shock Troopers 2nd Squad World Wide Connection (3:09)
23. DX21 Kawagen Y8950 – 23 – Ginga NinkyouDen Ending Staff Roll (2:10)

::umm pah chk pah commodoriani per caso

Durante le ultime ore del Festival della Creatività, giusto dopo il concertonerd di Nobuo Uematsu (bello, devo dire…), la signora Creatività ha fatto il suo ritardatario ingresso in punta di piedi, per mezzo di alcune sperimentazioni musicali premiate da scarso seguito. A quell’ora il Salento che ci portiamo dentro un po’ tutti ha preso il sopravvento sulla Creatività, regalandoci la colorita scoria di manipoli di studenti fuorisede in Arte dell’Apparire, in mise terribilmente apulocalabrocreativa, fumantini e alcoolini come l’etichetta dei senza etichette consiglia secondo cicli generazionali immutabili.
A distinguersi dall’echi di “machicazzosoqueshdi?”, pochi interessati ascoltavano me che facevo il supersonico galletto con le mie spiegazioni da maestrino odioso, sulla vasta discografia di Pierre Bastien, riguardo le cause fisiche della rumoristica a diffrazione e conteggio fotonico dei Mikomikona, o su quale tracker utilizzasse Nullsleep sul suo Gameboy. Che fighetto elitario nerdacchione impunito che sono.
Parlando parlando, siamo finiti su altro argomento, che mi è stato chiesto di completare in breve, e questo è il post di servizio per gli amici Creativi.

Si parlava di che? Ah sì, dei Visa Röster, l’equivalente retrocomputeristico dei Neri per Caso (minchia, quale onore!).
Quella dei Visa Röster è una formazione svedese di musica a cappella, che, oltre all’immancabile repertorio classico, vanta ben due cd di brani classici tratti dai giochi e dalle demo del Commodore 64. Ovviamente i sei nostri non si fanno mancare nulla, presenziando ai retroparty nordici e deliziando la platea con performance dal vivo.
Tutti i dati, dice che esiste internet, ve li leggete sul sito ufficiale già segnalato, o sul loro MySpace. Aggiungo un paio di parole io.

Il primo dei due cd, “*** Commodore 64 *** Vocally”, contiene 13 tracce, delle quali l’ultima dal vivo totalmente inedita.
I ragazzi vanno a coprire una zona temporale della storia commodoriana, compresa tra la seconda e la terza generazione ludica del C64, più o meno dal 1985 al 1987, puntando le loro migliori fiche con una certa furbizia, sul riesportare brani classici precedentemente utilizzati sul gioiellino di casa Commodore: “Lo Schiaccianoci” in versione Fred Gray, tratto da Mermaid Madness, e il “Bourée” dei Jethro Tull piazzato da Tim Follin nella vanity board di Black Lamp ne sono un esempio.
I Visa Röster si presentano bene con questa fatica prima, convincendo i più riguardo la loro essenza di retroappassionati come, se non più, di loro, addirittura non disdegnando la versione a cappella di un brano di Markus Schneider fatto a suo tempo (1991) per un gioco che non ha mai visto la luce. Gli arrangiamenti giocano sul vedononvedo, a far trasparire suoni del SID in degne intro o nostalgici intermezzi. Da notare che tra fruttoni appassionati vige collaborazione, dato che la loro versione di Comic Bakery è chiaramente ispirata a quella famosissima dei PPOT (“Larger than Pop Boyband mix”, quella corredata del fantastico, imbarazzante, video da boyband fine anni ’90).

Arriva il successo, arriva il secondo cd da ben 18 tracce, tra le quali si intravedono molte hit chiaramente vincenti, pezzi che tra i circa 34000 conosciuti catalogati e preservati nell’HVSC, ricoprono i meglio posti nella top ten.
In questo seconda release, i sei nerdoni svedesi lavorano in collaborazione con i più conosciuti ed apprezzati riarrangiatori di brani del C64 (Oxygene, DHS, Mahoney…), producendo in pratica un disco dal doppio valore, ed è una notevola furbata. Ecco perché si è puntato ai pezzi più noti: sono un punto d’incrocio per tutti quelli che v’hanno collaborato, sono pezzi sentiti, riascoltati, riarrangiati prima in un modo poi nell’altro. Una deriva completamente vocale di un bolo digerito a lungo, diventa punto d’approdo di una stessa esperienza. Il risultato di questa ricerca è che l’ascoltatore sente evidenziati proprio i particolari che ricorda di più del singolo brano, che più gli rimandano alla mente l’impressione catturata durante l’attività videoludica.
In particolare, favolose le versioni di Last Ninja 3 e dello storicissimo conosciutissimo brano di Mike Alsop tratto da Fairlight.

Ovviamente, questa è musica solo per addetti al retronerdume, quindi nessun Franceschiello di votazione potrebbe reggere. Ma se gli date un assaggino male non potrà farvi, in virtù del fatto che i Visa Röster permettono la copia del cd a terzi, chiedendo in cambio una donazione volontaria suggerita di 5€, al vostro buon cuore. Commodoriano.

::10 print andrea free now 20 goto 10

Il mio cuore commodorista ha sperato nell’omonimia sino all’ultimo. Una speranza risultata poi vana, a rendere la cosa, se fosse stato possibile, ancora più dolorosa.

Come un po’ tutti, ho seguito la vicenda del piccolo golpe stanziale di stampo massmediologico (telefoni, cellulari, email e quant’altro) che ha coinvolto Telecom Italia. C’è talmente tanta carne al fuoco in quella brutta faccenda, che metterci un link risulterebbe comunque incompleto e velleitario. Un sistema che, tra spionaggio delle concorrenti, monitoraggio orwelliano di soggetti d’interesse, intrallazzi coi servizi segreti, intromissioni nell’attività politica, suicidi ancora da verificare e molto moltissimo altro, è equiparabile all’attività di un colpo di stato formato mignon perennemente sottotraccia.
Proprio come in un colpo di stato, c’erano le truppe speciali con tanto di nome di battaglia. Come il fantomatico Tiger Team, nucleo pulsante motore dell’intera giostra, decimato dagli arresti.
Leggo la notizia, e non posso crederci. Allora mi informo attraverso contatti della scena, e tutti mi confermano che, sì, è proprio lui. Infine, storia di questi giorni, Andrea Pompili resta agli arresti, in carcere.

Andrea Pompili incarna un po’ la figura dell’eroe italico commodorista, un garibaldi dei 64k, un giuliocesare del comando POKE. Praticamente da solo, completa Catalypse, un gioco sul glorioso biscottone, dalla qualità talmente elevata da sbaragliare i migliori prodotti delle case di produzione più scafate. Il prodotto ludico tricolore fa talmente tanta invidia lì, oltremanica, che la critica d’eccellenza si sente prima di stroncarlo, poi di fare ammenda.
La grafica disegnata da Andrea, le proporzioni, l’uso del colore, sono la mia principale fonte di ispirazione per il gioco che sto sviluppando sul coso nero, ero lì lì per contattarlo e chiedergli una consulenza. Prima di sapere del fatto. È un pò come quando ti dicono, direttamente o indirettamente, che cavoli e cicogne non sostituiranno la santa innominabile, o che nessun vecchio lappone esibizionista affronterà il gelo decembrino per soddisfare i tuoi vizi ludofeticisti infantili.

Prima il rapitore autriaco commodorista Wolfgang Priklopil, fiero del suo C64G che preservava i suoi sordidi (sordidi?) pensieri dalla polizia. Poi Tamás Polgár (conosciuto come Tomcat), attivista politico, blogger più letto del suo Paese, organizzatore di retroeventi ed autore della serie di libri d’argomento “Freax“, arrestato illegalmente perché beccato (forse) tra i rivoltosi di settembre a danneggiare il monumento sovietico per la liberazione del ’45, e tacciato di averlo distrutto da solo (sì eh!).
Infine Andrea Pompili.
Una lunga scia d’odio di chiaro stampo cattodemoplutocratico nippoislamicosionista a doppio turno vuole silenziosamente abbattere le resistenze ad 8bit contro il mercato. Ad uno ad uno, separatamente, proveranno a falcidiare la compagine commodoriana. Reagiamo! Andiamo in piazza ad urlare il nostro sdegno! Andrea libero subito! Andrea libero subito! Andrea libppfhfhpppfh (lo portano via).

::l’archeologo videoludico

Sono o non sono un lavoratore innovativo? Riesco spesso a generare figure professionali all’avanguardia, che diventeranno credibili solo in futuro, quando certe università giocattolo del nord Italia ne faranno materia di studio.

Decenni or sono, l’arte della creazione videoludica era poco più che una manifattura artigianale, nella quale pochi abili maestri d’arte condensavano in poco spazio di supporto le loro conoscenze artistiche e matematiche. All’approssimazione che questa tipologia produttiva naturalmente portava con sé, si sovrapponeva tutto l’intrico di storie, vicissitudini e leggende urbane, provocate dalla non sempre lineare interazione tra gli autori del gioco e la casa produttrice.
Probabilmente, abbiamo visto sul mercato qualcosa come un quarto dei giochi realmente sviluppati. Tutti gli altri si sono arenati per i motivi più disparati: morte del primo programmatore, dissolutezza economica del team, colture di marijuana in ufficio, sparizione improvvisa del mercato e così via. Lampante questo vecchio reportage della BBC sulla pessima gestione della Imagine Software, dalle stelle alle stalle.

Ecco quindi il trionfale ingresso dell’Archeologo del Videogioco, figura multiculturale che dalle sue ricerche estrapola memorie sulle scelte tecnologiche, i percorsi economici, gli aspetti storici e di costume, ravanando con coscienza nei meandri dimenticati dell’era videoludica passata.
Nulla a che vedere col videogioco arcade, strettamente legato al suo hardware, e ad una produzione che di artigianale già non aveva più nulla dopo quale anno dal boom; nulla a che vedere con le produzioni contemporanee, di stampo quasi hollywoodiano, sia figlie che schiave della tecnica estrema.

La punta di diamante degli archeologi videoludici è senza ombra di dubbio Frank Gasking ed i suoi siti sui cosiddetti GTW (games that weren’t), primo fra tutti quello per Commodore 64. Frank è stato il primo a cercare assiduamente i “giochi che non furono”, ed a farlo senza limitarsi all’argomento, bensì rintracciando le persone coinvolte in ogni singola produzione per ricostruire i perché (commerciali, umani, tecnologici) dell’insuccesso.

Personalmente, sono diventato un esperto di Analisi Comparativa, andando a sondare le curiosità riguardo giochi effettivamente rilasciati.
Ad esempio, dalle pesanti differenze tra la grafica effettiva del gioco e la schermata sul retro della confezione, si può datare e motivare la variazione nell’apporto di grafica e nelle scelte visive. Il caso della cerimonia olimpica di apertura è solo un elemento, qui la disamina completa.
Nella seconda figura, un altro caso emblematico: il grafico ha fatto tutto per bene, ma il programmatore, con un solo numero errato, ha rovinato il gioco facendone perdere l’impostazione visiva originale. Spetta quindi all’archeologo videoludico riportare agli antichi splendori il prodotto finale.

::sidcompo 6

Anche quest’anno, i retromusicisti del Commodore 64 sparsi intorno al globo si sfidano al SIDcompo, il concorsone annuale di composizione musicale sul celeberrimo chip SID, che arriva così a festeggiare il sesto compleanno.

Stracciando i ventisette partecipanti dell’anno scorso, la sesta edizione vanta la bellezza di ben trentacinque (35!) candidati alla vittoria finale, tra disco anni ’70 e downtempo minimale, ambient evocativo e jazzfunk dalle trame complesse, ardito sperimentalismo e musichette estive…
Il parco concorrenti è tanto più notevole se si pensa che l’X-2006 party, tenutosi in Olanda ad ottobre, ha letteralmente prosciugato la scena C64, richiedendo il sacrificio di 12 demo, 16 opere grafiche e ben 26 musiche!
Le regole sono le solite: un brano per musicista, anonimia sino ai risultati, nessuna cover o remix, niente suoni digitalizzati. Si vota sino alla mezzanotte del 10 dicembre, grazie al comodissimo script, che permette di gestire la propria classifica ed i commenti dedicati sino all’ultimo minuto.
Sfortunatamente, quest’anno non è stato possibile convertire il suono della macchina originale in file .ogg. Pertanto, ci sono due possibilità: ascoltarle su uno dei tanti validi emulatori per C64 o su un vero C64 (qui l’immagine disco che le contiene tutte), oppure ascoltarli sul PC col piccolo e validissimo emulatore SID SIDplay2 (qui il pacchetto di file).

Se l’altr’anno il mio brano è arrivato orgogliosamente settimo, stavolta non ho davvero avuto il tempo di comporre nulla allo scopo, preso come sono stato da altri progetti 8bit ai quali tengo parecchio, XeO3 in primis. Nonostante ciò, pur di partecipare a questa sesta edizione, ho preferito mandare un piccolo brano, limitato in memoria perché da incastrare nel codice del progetto citato poc’anzi quale musica intro, così da presentarlo mediante la compo stessa. I cultori degli anime in Italia ne riconosceranno una sorta di dedica iniziale.
L’importante è partecipare, no? Buon ascolto, ne vale la pena.

::retroinfamia!

Nessun segreto dura per sempre, lungi da me sfidare l’assiomatico o l’evidente. Sì, va bene, perché allora uno dei miei, di segreti, dev’essere svelato a causa di attualità così infamante?

Da veri appassionati di retrocoding, io e molti miei "colleghi" usiamo le macchine più vetuste di mamma Commodore, e delle comari di questa (Sinclair, MSX, Atari e minori), anche per lo stoccaggio ed il trasferimento arcisicuro dei dati. Ognuno di questi calcolatori ancestrali, infatti, ha generalmente il proprio formato univoco di immagazzinamento della memoria. Inoltre, il collegamento ad un normale PC attuale è cosa facile, e ciò permette promiscui scambi di dati, all’occorrenza.
Ma non si tratta di archeocriptaggio diretto: la profonda conoscenza riguardo computatori di così lunga data, è oramai appannaggio di ristrettissime cerchie di esperti; e questi ultimi hanno sviscerato ogni aspetto di quella macchina, potendo così aggirare i controlli di chiunque volesse accettarne la sfida.

Ricordate la folle ondata, cieca ed ingiustificata, contro i giochi di ruolo? O quella, oramai folcloristica, contro la violenza negli anime? E ricordate la discussa possibilità che Sailor Moon potesse minare la virilità degli italici preadolescenti?
Evidentemente, è un po’ come il gioco della bottiglia, ed ora tocca a me. Stando alle prime anticipazioni riguardo l’intervista della sfortunata vittima, Wolfgang Priklopil, il rapitore di Natascha Kampusch, usava criptare i suoi dati mediante un Commodore 64. Il computer è ora al vaglio della polizia austriaca, che ha anche lanciato un appello, per ottenere quanto più aiuto possibile dagli appassionati in zona.

Va bene, dai, facciamo delle scommesse. Secondo voi, quanto ci metterà il cinico mercato della (pseudo)informazione a demonizzare retrocoding e retrocomputing in generale? Con quali particolari truculenti e piccanti, i giornalisti di minor peso (e con meno scrupoli, quindi) acquerelleranno il cupo profilo del geek malato? Secondo me, si riveleranno tutti così solerti, che mi sento in dovere di offrire il fianco, con un po’ di immaginifico erotico ad 8bit, e quella protoviolenza ludica che dovrebbe far ridere, ma se usata a dovere…

Oh, inviatemi pure le vostre puntate di scommessa! Adesso iooo…eee…io sarò un po’ impegnato a bruciare una montagna di floppy da 5¼, prima di avere visite improvvise in casa, ed essere arso vivo su pubblica piazza.

::otto vincenti gradazioni del nero

Ora, fate conto, ho ancora da riprendermi dalla birra continua, dall’atmosfera amichevole, dalle discussioni tecniche e da quelle futili, dalle dormite sotto le stelle, prima delle giornate passate a ravanare nella memoria di vecchi computer, che emettono tanto di quel calore da abbronzarti.

Quello che posso dire è questo: abbiamo dominato l’Árok Party, vincendo ovviamente nella categoria più ambita, la 8bit democompo, con la trackmo fatta in cooperazione di scena, che può vantare parti singole da meno di 16KBytes: la prima vera trackmo che gira su C16/C116 (ovviamente anche su Plus/4), assolutamente inespanso, e senza aggiunte esterne quali la SIDcard, ad esempio.

8 Shades of Black” è finalmente stata rilasciata nella versione mostrata al party. Dieci parti dieci, più un selettore iniziale col quale scegliere la propria “terapia”, con tanto di scatola di aspirina, blister, pillole e ricetta del medico curante. È completa di trackloader e di parti segrete da scovare.

Presto, verrà rilasciata anche la versione finale, con una parte aggiuntiva di Murphy/EXD/GS, una parte che ci ha fatto dannare per un giorno intero a causa delle incongruenze grafiche tra emulatore e macchina reale.

Il qui presente vincitore si vergogna un po’ come uno scolaretto, ma con questa piccola fobia oramai ci convive da tempo; quindi, nessun link a foto e video dell’evento, che son tanti e tanti.

Avendo assolto a quasi tutti i classici compiti che seguono la festa (quello che viene chiamato in gergo afterparty, e che riguarda upload del materiale, accumulo di foto, rinfrescata di siti dedicati eccetera) ci si prende una pausa riflessiva, baloccandosi con alcuni dei premi: riviste, chiavette usb ed altro ancora, fino al pezzo forte, che non poteva che essere un Commodore DTV.