::la collina dei papaveri

Reduce dal mediocre “I racconti di Terramare”, Gorō Maria Goretti Miyazaki s’allinea alle storie piccole su fondali pastello che tanta fama hanno regalato alla Ghibli, rilasciando questo lungometraggio che è già record siderale di lettere kappa nello stesso titolo (“コクリコ坂から”, Kokuriko-zaka kara).

Tratto da un micidiale shōjo manga in stile feuilleton a sfondo genetico-familiare (tipico tra l’alto del periodo nel quale la storia è ambientata), la versione italiana parte con titoli scritti all’insegna dello splendore grafico del Commodore VIC20, ed una serie di traduzioni pedanti delle formule di rito d’uso quotidiano.
L’inizio orribilmente melenso e scolastico fa desiderare l’avvento a sorpresa di un violentatore seriale in stile pinku eiga, ma presto la cosa passa in secondo piano, quando lo spettatore si rende conto del doppio canale che guida la storia: da una parte il beviqualcosapedro d’antan in odore di ricordi delle guerre, dall’altra il sapore di una rivoluzione sociale in salsa provinciale ancora di là da venire (tutte le fazioni studentesche temono l’arrivo del Preside, paura del potere costituito…per ora!) ma già con quel sapore da maggio parigino nei nomi delle cose. Se si dovesse sintetizzare un leitmotiv unendo i due canali, si direbbe: la guerra pur recente riserva ancora ferite, c’è da ricostruire non distruggendo il passato ma riedificando su basi antiche; la cultura vecchia in questo è cieca, la nuova imprenditoria ha invece quelle sane indimenticate radici che le permettono di guardare ad un futuro radioso a misura d’uomo.

Cose tecniche: alcune animazioni fotoniche qui e là ma in genere qualità media, alcune superparallassi fotoniche ma in genere il trionfo del pastello, sfortunatamente anche per i metalli, cosa che non sempre funziona. Un capitolo a parte per i legni: tradizionalmente, il legno dòmina gli ambienti abitativi nipponici; se qui, in una storia ambientata nella primavera del 1963, rendi bene i diversi legni, ebè allora hai veramente vinto. Premio “Hai Veramente Vinto Col Legno” alle panche della mensa esterna riverniciate di bianco ma già soggette all’aggressione degli agenti atmosferici.

Se il film avesse avuto come soggetto lo yatsura studentesco della vicina campagna nei dintorni della metropoli, cosa davvero originale ed in qualche modo esotica per chi conosce più il suo parallelo europeo, per me sarebbe stato subito ammmòre. Così non è, evidentemente non doveva e non voleva esserlo per gli sceneggiatori, ma rimane comunque un prodotto di garbo e testimonianza.
Comunque, come ci insegna Vulvia:”Parla d’Achei in tivvù solo perché È FIGLIO!”

Annunci

::arcade music milestones

C’erano, una volta.
C’erano una volta le macchine del divertimento videoludico che, impossibilitate al tempo nel gestire direttamente brani musicali, dovevano fare affidamento a rudimentali microprocessori del suono.
Ce n’era una notevole gamma, erano scelti volta per volta secondo criteri di tecnologia e risparmio sul prodotto finale, ed alcuni divennero più rinomati di altri. Eppure, la disparità di qualità del suono risultante non si è mai seriamente rivelata un ostacolo: anche dagli IC più datati ed economici, un compositore capace poteva tirar fuori quella musichetta che ti sarebbe entrata in testa per sempre, una sòrta di àncora della memoria alla quale aggrapparsi alla ricerca dei ricordi dell’adolescenza.

C’erano una volta console ed home computer domestici da un lato, e coin-op da sala e da bar dall’altro. Ed erano imparagonabili.
Era imparagonabile addirittura lo stesso mood collettivo: l’ambiente della sala giochi, saturo di odori sgradevoli ma riconoscibili, e di canzoncine digitali provenienti dai riproduttori sempre un po’ dimessi dei cabinati, è stata per tutti una esperienza di gruppo indimenticabile, tanto indimenticabile da far partire iniziative davvero particolari, come l’archiviazione di suoni ambientali delle sale arcade più rinomate.

Le nuove frontiere nel campo dell’emulazione delle vecchie schede da bar, ci permettono oggigiorno di preservare questo patrimonio emozionale dall’aggressiva incuria del tempo. Creati e prodotti da Kekule, e distribuiti da Vikk, ecco a vostra disposizione i 4 volumi del più ampio e variegato omaggio alle colonne sonore dei coin-op anni ’80-’90!
Cliccate sulle icone per scaricare. Push 1P button to enjoy!

Tutti i brani inclusi nei 4 album, sono disponibili in streaming nella MAMEchannel Radio, disponibile anche come applicazione FaceBook.

::Arcade Music Milestones 1
1. Isao Abe, Syun Nishigaki – 1 – Cadillacs And Dinosaurs Intro (1:40)
2. Shinji Hosoe – 2 – Dragon Spirit Area 1 (3:33)
3. Hiroshi Miyauchi – 3 – Hang On Main Theme (2:00)
4. Motoaki Furukawa – 4 – Sunset Riders Attract (0:56)
5. Yuko K. Takehara, Masato Koda – 5 – Marvel Vs Capcom Theme Of Strider Hiryu (2:26)
6. Yasuhisa Watanabe – 6 – Nastar Tune 1 (3:28)
7. Konami Kukeiha Club – 7 – Vulcan Venture Opening Theme (0:34)
8. Tsukasa Tawada – 8 – Rodland Tune2 (1:15)
9. Hiroshi Miyauchi – 9 – Space Harrier Theme (3:18)
10. Yuko K. Takehara, Masato Koda – 10 – Marvel Vs Capcom Player Sele (0:47)
11. Konami Kukeiha Club – 11 – Vulcan Venture Burning Heat (1:20)
12. Katsuhiro Hayashi, Koichi Namiki – 12 – Super Hang On Hard Road (3:13)
13. Hide-Kaz, Abraham, Manabu Namiki, Mr. Takami – 13 – Macross 2 Level1 (2:12)
14. Kenji Yoshida – 14 – Dangar Ufo Robo (2:29)
15. Yasuhisa Watanabe – 15 – Nastar Boss Tune (1:28)
16. SEGA/Kekule – 16 – Pitfall II Medley (1:53)
17. Masahiro Yuge – 17 – Truxton (2:06)
18. Konami Kukeiha Club – 18 – Vulcan Venture Synthetic Life (1:34)
19. Kazuko Umino, Yasuko Yamada – 19 – Puzzle Bobble Journey To PaoPao Island! (1:46)
20. Hiroshi Miyauchi – 20 – Out Run Magical Sound Shower (6:05)
21. Konami Kukeiha Club – 21 – Gradius III Sand Storm (2:57)
22. Kenji Yoshida – 22 – Galivan Hiscore (1:20)
23. Katsuhiro Hayashi, Koichi Namiki – 23 – Super Hang On Name Entry (0:37)

::Arcade Music Milestones 2
1. Technouchi – 1 – Gaiapolis Intro Down To The Earth (0:15)
2. Zuntata – 2 – Darius Gaiden Fake (2:00)
3. Zuntata – 3 – The New Zealand Story (1:49)
4. Konami Kukeiha Club – 4 – Gradius III Prelude of Legend (1:00)
5. Azusa Hara, Hiroaki Yoshida – 5 – Bad Dudes Vs Dragon Ninja Level 2 (2:27)
6. Shin-ichi Sakamoto – 6 – Psychic 5 Naoki Theme (3:17)
7. Yasushi Kaminishi, Masahiro Yuge – 7 – Gigawing Fighter Selection (1:02)
8. Cameo Matano, Dokuo Umeno – 8 – Parodius DA! Level 2-1 Even The Patience Of A Pierrot Has Limits (2:00)
9. Shin-ichi Sakamoto – 9 – Wonder Boy In Moster Land Beach (1:23)
10. Masahiro Kusunoki – 10 – ESP Ra. De. StageC (2:37)
11. Prophet Fukami, M.Puddin’ Satoko, Sitar Senoo – 11 – Gokujou Parodius Level1 In the Crane Game (2:25)
12. Tamayo Kawamoto – 12 – Black Tiger Hiscore (2:05)
13. Ryuichi Yabuki, Nanpei Misawa – 13 – Dangun Feveron Stage2 Hello Mr Cyborg (2:43)
14. Cameo Matano, Dokuo Umeno – 14 – Parodius DA! Level 3 Labyrinth (1:16)
15. Konami – 15 – Daisu-Kiss Disco Stage (1:47)
16. Prophet Fuka, Everybody, Kishimaro – 16 – Violent Storm Ending Are You Ready To Have A Good Time? (2:43)
17. Hiroshi Miyauchi – 17 – Outrun Splash Wave (5:45)
18. Zuntata – 18 – The Ninja Warriors Daddy Mulk (4:37)
19. You Takamine, Naoki Maeda – 19 – Salamander 2 Level 2 Sensation (2:24)
20. SEGA Sound Team – 20 – Golden Axe Final Class (1:05)

::Arcade Music Milestones 3
1. Toshio Kai – 1 – Puckman (0:04)
2. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 2 – Garou Loose Genius (2:46)
3. Harumi Fujita – 3 – Bionic Commando Area 1 (3:08)
4. S.S.T. Band – 4 – After Burner Final Take Off (3:53)
5. Hisayoshi Ogura – 5 – The Legend Of Kage Medley (3:29)
6. Zuntata – 6 – Darius Gaiden Refrain (1:37)
7. Konami – 7 – Chequered Flag Keep On Riding (2:50)
8. S.S.T. Band – 8 – After Burner Maximum Power (1:14)
9. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 9 – Garou Spread The Wings (2:30)
10. Mikio Saito – 10 – Shadow Warriors Shadow Soldier (2:55)
11. Zuntata – 11 – Rastan Level 1 Aggressive World (2:10)
12. Harumi Fujita – 12 – Bionic Commando Area 2 (2:01)
13. ADK – 13 – Equites Medley (2:57)
14. Ackey, Yassun, Hori-Hori, Okan, Q-Jirou – 14 – Garou Too Honest (2:47)
15. Kaori Shimizu – 15 – Psycho Soldier Fire! (1:17)
16. S.S.T. Band – 16 – After Burner City 202 (1:00)
17. Kazunaka Yamane – 17 – Double Dragon Arrival Of The Black Warriors (3:17)
18. Yasuhiro Takagi – 18 – Turbo Outrun Keep Your Heart (7:15)
19. SNK – 19 – Ikari Warriors Main Theme And Game Over (2:35)
20. Harumi Fujita – 20 – Bionic Commando Enter Your Name (1:31)
21. Zuntata – 21 – Darius Gaiden Name (0:54)

::Arcade Music Milestones 4
1. SNK – 1 – Neo Geo Logo (0:08)
2. Zuntata – 2 – Darius II Olga Breeze (3:49)
3. Konami Kukeiha Club – 3 – Tokimeki Memorial Taisen Puzzle-dama Opening + More! More! Tokimeki (2:23)
4. Mashahiro Inoue – 4 – Gyruss Medley (2:32)
5. Kazunaka Yamane – 5 – Double Dragon Opening Theme (2:38)
6. Jaleco – 6 – City Connection All Stages Medley (5:42)
7. Steve Ritchie, Chris Grann- 7 – F-14 Tomcat Multiball (2:25)
8. Hisayoshi Ogura – 8 – Arkanoid Intro Vanity Board Game Over Medley (1:14)
9. Yasuhiro Takagi – 9 – Turbo Outrun Course 3 Shake The Street (3:14)
10. SNK – 10 – Mahjong Kyoretsuden Hoshinofuru Yoru (2:58)
11. Konami – 11 – Iron Horse BGM1 (2:09)
12. Jouji Iijima – 12 – Galaxy Force 2 Level 1 Beyond The Galaxy (3:25)
13. Irem Sound Team – 13 – R-Type Level 1 Battle Theme (1:38)
14. Hisayoshi Ogura – 14 – Rainbow Islands Medley (1:09)
15. Technos Japan – 15 – Xain’d’Sleena 2nd Shmup Stage (1:48)
16. Konami – 16 – Iron Horse BGM2 (1:50)
17. Kaneko – 17 – Heavy Unit Round 1-2 (1:19)
18. Zuntata – 18 – Darius Mountain Region Cosmic Air Way (2:47)
19. Irem Sound Team – 19 – R-Type Level 4 Granulationes (1:22)
20. Konami – 20 – Iron Horse Demo (0:53)
21. Hisayoshi Ogura – 21 – Halley’s Comet Theme (1:32)
22. Masaki Kase – 22 – Shock Troopers 2nd Squad World Wide Connection (3:09)
23. DX21 Kawagen Y8950 – 23 – Ginga NinkyouDen Ending Staff Roll (2:10)

::folk band!

Cosa mancava al parco dei videogiochi musicali per potersi dire davvero davvero completo?
Semplice! Contenuti musicali che potessero andare oltre la musica truzzetta popolar-rockettara che piace al trentenne con un finto passato da punk del liceo di Boscotrecase; inoltre, una vasta, smisurata scelta di strumenti da suonare, del tutto indipendente dai singoli brani.
A riempire tale imperdonabile buco, ecco arrivare l’ultima meraviglia di casa Harmonix: Folk Band™!

Non solo Folk Band™ offre al giocatore il meglio della musica folk di tutto il mondo in una cornice grafica in gran spolvero, ma mette a disposizione ai suoi fruitori un dispendio impressionante di strumentistica ludica, un pozzo senza fondo di cembali, violini, djembe, banjo, mandolini, mandole, koto, arpe, cornamuse, bombashi, bongo, kawala e chi più ne ha più ne metta…per un totale di 65 diversi giocattolosi strumenti con i quali giocare e rigiocare i propri brani folk preferiti!
Con questi numeri, Folk Band™ ha proprio il sapore del videogioco musicale definitivo!

Le sorprese non finiscono qui, almeno per il pubblico italiano: ad ideare il gioco e svilupparne il core code è una piccola ditta di casa nostra, la “30nism”, che opera tra Firenze e Milano, e che aveva inizialmente portato avanti il progetto pensando di alimentarlo sì con pezzi folk solamente nostrani, ma soprattutto con brani di cantautori italiani che al folk devono molto.
Infatti, già a partire dal primo pack base, insieme a nomi esterofili quali (non metto neanche i link, che diamine!) The Real McKenzies, Clannad, The Chieftains, Madredeus, The Kelly Family, Inti-Illimani, Tunng, The Dubliners e via dicendo; insieme a folk band italiane come Nuova Compagnia di Canto Popolare, Musicanova, Briganti di Frontiera; fanno bella mostra di sé vari brani di Edoardo Bennato, Angelo Branduardi, Peppe Barra, Francesco Guccini e molti molti altri, qualcuno anche inserito forzando come “folk” un cantautorato non propriamente tale e sicuramente poco esportabile (Piero Ciampi, Luigi Tenco), ma preservato nel gioco per ferreo volere degli autori.
Niente di realmente confrontabile, però, con l’intera produzione folk di Fabrizio De André, con alcune strane ma gradevoli aggiunte opzionali (una versione “extended” di “La canzone di Marinella” con versi aggiuntivi/alternativi), tesoro che potrebbe fare pack a sé per estensione e completezza.

Folk Band™ rimpingua di linfa vitale la celeberrima serie di giochi del genere. Già con gli illustri predecessori era possibile divertirsi in casa tra amici e parenti, in un colorato tripudio autoipnotico scacciapensieri, un collante sociale, affettivo o parentale, senza altri meriti che non fossero la coordinazione occhio-mano, e che insinua alla fine della sessione di gioco la sensazione di aver collaborato alla costruzione cooperativa di un qualcosa.
Da elementari ma divertenti ipnocalmieranti sociali, con Folk Band™ i giochi musicali vanno anche a placare i tuoi vuoti etici. Amare poetica e sentimento di un De André solo per vie auditive, ti lascia comunque libero di comportarti esattamente in modo opposto nel lavoro, negli affetti, nella vita di tutti i giorni. Ma in certi momenti, quello che sei e che fai, e quello che vorresti fare ed essere, cozzano portandoti a chiederti scomode domande. Con Folk Band™ no, con Folk Band™ si raggiunge una utopia che ha dell’orwelliano: giocare balalaika alla mano, e replicare ludicamente i testi più sentiti di Faber con a fianco il datore di lavoro, la propria compagna, lo zio scettico, spegne in una guazza di comune divertito nulla il sentore dell’attrito tra essere e sperare di essere, cauterizzando del tutto qualsiasi ferita segno di contrasto esistente.
Sotto quest’ottica, Folk Band™ va a ricoprire un ruolo importante nel passaggio di ognuno di noi verso quella matura stabilità situazionale, come lo ricopre per un bimbo la formina geometrica da incastrare nel foro giusto.

“It’s time to grow up, time for permanence. It’s time for Folk Band™!”.
Folk Band™ / 30nism Games Italia / Harmonix Music Systems / MTV Games / EA

::renault reazionaria

Ricordi quando dicevi che le ragazze non servivano a niente? Quando dicevi che non avresti mai usato un computer? Quando dicevi che non ti saresti mai tagliato i capelli?

Ricordi quando dicevi che Renault non faceva per te?

Non lo hai ancora capito che chi ti vende le cose sa aspettarti al varco, ad ogni tuo passo generazionale, falso o meno che sia? Non vedi come riusciamo ad illuderti che tu sia meglio ora?

Non servivano a niente le ragazze, eh? Eccoti lì, sposato per una motivazione che sta nel mezzo tra la sicurezza di un affetto abitudinario e la costrizione naturale di un primo figlio inaspettato.

Mai un computer? E la pancetta che ti cresce mentre giochi a PES, chino, ipnotizzato sul plasma del living, dove la metti?

I capelli lunghi, ma siamo seri! Al primo accenno di stempiatura te la sei fatta sotto, ed ora ti radi fingendo tu lo faccia per scelta!

E quindi su, dai! Suggella anche tu l’ingresso in questa bella società di megabaccelli da invasione degli ultracorpi triste, non fare il Sutherland urlante. Compra anche tu l’auto giusta, l’auto per l’uomo calvo, sentimentalmente agonizzante, quotidianamente larvale, l’uomo che piace a noi del Mercato.

::new trulls

Oh per intendersi subito: questo post è ignorante fino al midollo, è disinformato sull’argomento, non è per niente interessato a biografie discografie e curiosità. Cercate da altre parti, in quel caso.

È che c’è questa terribile ondata indie che spira dalle ventose sponde della Puglia, tutto un fiorire di giovani promesse musicali, in particolar modo quelle che ripropongono l’easy 60’s, l’exploitika rimodernata, il retrò con eletttronica aggiunta. Come ricorda il nostro vate Vikk nella sua ben più professionale biografia degli Il Genio, l’ondata dei vari Superpartners, Fitness Forever, Il Genio, non rinnega le sue origini, effettive o solo radicali, dall’emerito Studio Davoli.
Carini freschi giovani, e vediamo chi davvero resisterà alle intemperie del mercato musicale.

Ma ciò che davvero mi preme evidenziare, è un pezzo meraviglioso dei Fitness Forever davvero in sintonia con taaante tante tante cose scritte qui ed altrove, la terza traccia di un album di prossima uscita che secondo me, ma anche secondo molti altri blogger ben più ferrati riguardo la scena indie italiana, ha tutte le carte in regola per farsi ricordare.

Vi invito in massa sul loro MySpace ad ascoltare “L’anarchica pugliese”.
“L’anarchica pugliese” contiene in poco testo tutta l’essenza magnificamente ridondante della fuorisede che cerca in biblioteca gli angolini intimisti per i suoi imbrocchi amorosi di parte, delle sue partecipazioni alternative ed internazionali, del lessico amoroso che crede (ma fa bene, eh!) di aver usato in senso borderline sola tra pochi in quel contesto. Il tutto in allegria e giustamente aldilà di qualsiasi sarcasmo, perché così è.

Questo blog già prova una certa simpatia per i Fitness Forever, è innegabile ormai.

::c’è un pacco per te

Ma sapete che quasi quasi stavolta me la facevano sotto il naso? Che quasi non me ne accorgevo?

No, è che c’è questa colossale crisi economica mondiale, questo nuovo ’29 sventolatoci sotto il naso come preludio a cose brutte ma brutte parecchio.
Parallelismi storici a bizzeffe, timori di conflitti allargati, fantaeconomia del buono fruttifero postale, chemin de fer dei tassi di sconto, divinazioni delle ripercussioni sui costi reali della vita. Se ne stanno davvero sentendo di tutti i toni.

Io stesso ne ho sentite talmente tante da confondermi per un attimo. Ma poi.
Ma poi ci arrivi: nulla mi toglie dalla testa che sono semplicemente pronti i pacchi. Dopo il gran fattaccio dei mutui facili americani, dopo la ripercussione europea delle mancanze indotte di liquidi, dopo tanti Gx dove x sta per un numero qualsiasi per arrivare a dire G8 G4 e tante altre sigle ormai prive di significato, e soprattutto dopo tanto contrattar di banche; dopo tutto questo ed anche di più, ecco che da qualche parte, chissà sotto quale cammuffamento, chissà con quale falso nome, i pacchi sono pronti.

I pacchi contengono la fregatura per i piccoli contribuenti, le cui perdite economiche andranno a colmare gli azzardi compiuti da pochi oligarchi del mercato per strizzare fino all’ultimo un sistema morente. Sono pacchi simili ai bond argentini, all’affaire Parmalat; stavolta sono più grandi, più complessi, più elaborati, e per di più incartati con qualcosa di politico, studiata per farli sembrare più innocui all’inizio, ma per cautelarsi dalla restituzione del maltolto alla fine. Qualcosa tipo questo.
Deve essere stato lungo e complicato mettersi d’accordo a livello internazionale per sintetizzarli, ma quando qualcuno appicca foglie per far fumo, e per far uscire i topi allo scoperto al grido di “Salvate i vostri risparmi, investite!”, è evidente come i pacchi trappola siano già innescati.
Ed attendono i meno resistenti alla tensione.

::cadute di stilo

E non solo! Dalla traiettoria di caduta, i contadini del posto hanno saputo leggervi il calendario della semina per i prossimi sette anni, le fasi lunari, gli avventi dei corpi celesti.
Nel punto esatto in cui il Sacro Alimento ha toccato il terreno, il miracolo: come portato da un vento divino, dal nulla, è sorto un monastero di formiche francescane inneggianti al Signore.

Al contatto con la nuda terra dell’Agnello Carboidrato, è seguito un sordo evento sismico, registrato da tutti i laboratori circostanti Lourdes, protagonista di un ulteriore miracoloso segno divino. Infatti, tutti i sismogrammi risultavano essere questa frase di senso compiuto:”Sarà ora di cominciare a curarsi sul serio?